La linea del tempo

1

Paleolitico
1 milione - 10.000 a.C. · Età della pietra antica

Il Paleolitico è caratterizzato dall’evoluzione dell’uomo, dove con il termine “evoluzione” si intende un cambiamento molto  lento in cui l’uomo cambia nel suo aspetto fisico e anche nello sviluppo del cervello, aumentando la propria intelligenza. Gli studiosi hanno definito le diverse fasi di questi cambiamenti attraverso dei nomi, che identificano le trasformazioni fisiche che la nostra specie ha avuto. Prima l’australopiteco, poi l’uomo habilis, seguito dall’uomo erectus e dall’uomo sapiens e per finire l’uomo sapiens sapiens.

La posizione eretta, cioè sugli arti inferiori, permette di avere le mani libere, di esplorare e poi di costruire. Gli uomini in questo periodo vivono di caccia e raccolta di frutti, radici e bacche. Non abitano in case stabili ma in accampamenti con ripari facili da smontare e spostare. Essi, infatti, seguono gli spostamenti degli animali che migrano alla ricerca di cibo e di un clima più caldo.
Si tratta di piccoli gruppi nomadi, legati da legami di parentela. In questo periodo si datano le pitture rupestri e le prime forme di religiosità, come le statue delle dee madri. Con l’uomo erectus si arriva anche alla scoperta del fuoco che permetterà di scaldarsi, di illuminare, di cuocere i cibi e di difendersi.

I vostri contributi

La storia della stele di Kewej

La fantastica storia della stele di Kewej...

  testo Alunni - Quinta
Scuola Primaria “Maurizio Maraglio” - Castelnuovo Asolano Circolo Didattico di Asola
03-06-2011

Una mattinata al Museo

In visita al museo di Asola per conoscere ed osservare alcuni reperti di diversi popoli.

  video Federica -
25-02-2011

Una stele magica e maledetta

Dall'Egitto fino ad Asola, la storia di una stele.

  testo Alunni - V
Scuola Primaria “Maurizio Maraglio” - Castelnuovo Asolano Circolo Didattico di Asola
03-06-2011